di Maestra Rosalba

martedì 20 dicembre 2011

La chimica della festa

Gli odori, queste piccole particelle di materia accompagnano e circondano la nostra vita. Delle cose dell'infanzia spesso, ricordiamo più gli odori (ricordi olfattivi) o le immagini (ricordi visivi) e le parole sembrano svanire. E chissà poi e perchè si legano così strette alle emozioni, anch'esse, come sappiamo,  fatte sostanzialmente di scambi chimici nel nostro cervello.
E di un luogo, di una situazione il primo ricordo nel tempo, talvolta finisce con il coincidere con un odore: un richiamo olfattivo che a cascata genera altri ricordi.
Questo giocare della chimica dentro e fuori di noi fa parte della "ricetta della festa": la preparazione, l'attesa, i piccoli segni, il piacere di stare insieme. Chimica che genera altra chimica in un circolo virtuoso.
Coi bambini dovrebbe essere così, senza innescare troppe attese perchè le attese spesso vengono deluse, non avere aspettative troppo alte, non prendere come riferimento per la festa modelli inavicinabili, come quelli ispirati dalla pubblicità o dalle vetrine dei negozi. Dovremmo essere in grado di gestire modelli alla nostra portata: solo così il sogno della festa, se proprio un sogno dev'essere, si può realizzare.

E quale festa tramanda più ricordi se non quella celebrata in questo periodo di Dicembre? I cibi, gli oggetti, gli abiti, le persone stesse, le cerimonie: esperienze olfattive che imprimeranno il loro marchio indelebile fino alla vecchiaia.

E per me ad esempio sono l'odore dell'arrosto di agnellino, della coratella arrosto, farcita di salsicce e pancetta con lardellatura finale, dei ravioli di ricotta e zafferano, la lievitazione dei dolci. Odore di frutta secca, di mandorle tostate, di noci. Odore di latte, caffè e panettone per colazione.
Ancora l'odore del fuoco coi ceppi di leccio, di filirea, di corbezzolo, scoppiettante al mattino e quello della cenere  durante la notte, quando mio fratello più piccolo ci chiamava a raccolta per stare svegli e aspettare di nascosto l'arrivo di Gesù Bambino. Fino a quando la stanchezza, il sonno e il freddo notturno prendevano il sopravvento e si tornava sotto le calde coperte. Infine il risveglio con il solito commento a sottolineare l'arrivo tardivo, quasi all'albeggiare, di Gesù Bambino.

E tutti gli odori  nel tempo imprimono il ricordo segnando e insegnando qualcosa, perché un odore è principalmente un insegnamento della vita, una marcatura del passaggio delle umane vicende, la sottolineatura delle nostre azioni e più ancora delle emozioni, dei momenti tristi e dei momenti felici.
Questa chimica così presente e impalpabile si può provare a cercarla consapevolemente,  l'odore delle paste lievitate naturalmente ad esempio, come questi semplici panini al latte, zafferano e cioccolato, da preparare con i bambini e mangiare caldi a colazione la mattina di Natale.

Panini dolci al latte, zafferano e gocce di cioccolato

Tempo di preparazione un giorno e mezzo circa, regolandosi con la lievitazione.

Per una dozzina di panini occorrono:
300 grammi di farina bianca,
60 grammi di zucchero,
50 grammi di burro,
25 grammi di lievito di birra,
zafferano in polvere,
un uovo intero,
una presa di sale,
latte,
gocce di cioccolato.

Mettere nell'impastatrice tutti gli ingredienti, eccetto il lievito e le gocce di cioccolato. Prelevate una parte di latte che avrete preventivamente intiepidito, fateci sciogliere il lievito e versatelo nella farina. Impastare aggiungendo il restante latte a poco a poco, ottenere una palla molto morbida, se è appiccicosa infarinare le mani per prelevarla, coprire e  mettere a lievitare in ambiente caldo. Aspettare che si gonfi, impiegherà un bel po' di tempo, girare l'impasto lavorandolo con le mani. Mettere ancora a lievitare, quando sarà di nuovo gonfio lavorarlo, aggiungendo le gocce di cioccolato e fare delle palline, disporle nella teglia che userete per infornare, foderata di carta forno e far lievitare ancora. Dopo circa due o tre ore saranno gonfie e solo allora infornare per mezz'ora circa a duecento gradi.

Cose belle per Natale: questa bella raccolta di alberi di Natale dalla rete da Placida Signora e l'albero di  Pupazze di Gaia 


Articoli correlati per categorie


2 riflessioni:

Chiara il 23 dicembre 2011 12:48 ha detto...

é proprio vero, non c'è niente come gli odori per far rinascere un ricordo e l'emozione legata ad esso.
Vorrei provare la ricetta dei panini ma, siccome sono precisa e metodica, non potresti indicarmi la quantità di latte prevista?
Approfitto per farti tanti cari e sinceri auguri di buon Natale e prometto di farmi sentire presto

Rosalba il 23 dicembre 2011 12:52 ha detto...

Ciao Chiara misurane 200 ml, lo fai intiepidire e una parte la misceli al lievito di birra, il resto lo versi a poco a poco per impastare, a me ne è avanzato, per quello non ho indicato la quantià.
Tantissimi auguri di Buon Natale e Felice 2012 a te e ai tuoi cari. Ci sentiamo presto. Ti abbraccio

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie