di Maestra Rosalba

venerdì 22 novembre 2013

Una serale riflessione di matematica: ordine e disordine, numero e realtà.

Da quest'anno insegno matematica. No non dite che a scuola primaria si chiama aritmetica, perché come
per gli altri ordini di scuola si chiama così. E non è una novità che un insegnante di scuola primaria insegni matematica. Lo è invece per me, perché dopo cinque anni di Italiano sperimentato con successo nel senso che mi è piaciuto molto, sperando che sia piaciuto anche agli alunni, arrivano i numeri. Io stessa ho auto qualche problema con i numeri, non l'ho nascosto neppure alle pagine di questo blog. Quindi così come con buona volontà ho ripassato la grammatica, allo stesso modo, con lo stesso spirito di ricerca e apprendimento personale, vorrei sperimentare il ripasso matematico.
Io credo che fin da subito, un insegnante, bisogna che impari a controllare le convinzioni, fare muro, ostacolarle, si tratta di lavorare con mente aperta e sempre pronti a tutto.

Io che la matematica sia prima di tutto ordine, ogni tanto, quando vedo certi quaderni così infantilmente disordinati, lo continuo a dire ai bambini, ma mica ne sono convinta fino in fondo. 
Io se guardo il mondo, che è matematica ed è per me adulta oggettivamente numero, mica lo vedo tutto quest'ordine, non vedo pile di quaderni ordinate nella mia aula, non vedo scatole ordinate di colori, eppure sono numero, altroché se lo sono. Penso a come leggo il numero nella realtà e penso a come lo leggono i bambini di prima, anzi per meglio dire a come non leggono, perché se è vero che sanno contare e sanno perfino indicare la quantità al numero corrispondente, della realtà numerica capiscono, e per un po', capiranno poco. 
Faccio un esempio: sanno contare, ben oltre il dieci, individuano il numero negli oggetti, ma ancora non hanno capito che ogni volta che contiamo aggiungiamo un oggetto, non hanno capito quale numero viene prima e quale viene dopo, anzi non è che non hanno capito, non lo sapevano prima che io lo spiegassi con dovizia di esempi pratici e di giochi.

Così mi sta venendo in mente che noi insegniamo la matematica dimenticandoci com'è fatta la mente di un bambino: ci sono concetti che ancora non concepisce. Ne cito uno tanto per dire: la linea dei numeri è un'astrazione pazzesca per un bambino. Concetti che per apprenderli li deve sperimentare, e quando dico sperimentare intendo andare in palestra, in cortile, usare gli oggetti. A dire il vero, per concludere questa serale riflessione, dall'ordine maniacalmente matematico che mi è stato insegnato, un po' sto trascendendo, per prendere molto più a esempio la realtà così intrinsecamente ordinata nel suo disordine.




Articoli correlati per categorie


1 riflessioni:

Cl@sse live il 25 novembre 2013 23:31 ha detto...

Cara Rosalba, condivido le tue riflessioni. Io ho r-iniziato lo scorso anno con la prima ed ho utilizzato il metodo di Cammillo Bortolato e ti assicuro che i bambini sono innamorati della matematica e capiscono da soli che l'ordine è assolutamente importante. Con questo metodo e con l'uso delle cornicette lo imparano molto in fretta e... per un'insegnante ansiosa come me questo ha voluto dire partire con il piede giusto. Ti lascio il link dove trovi alcuni lavori http://classelive.blogspot.it/2013/04/il-quaderno-delle-cornicette.html
Buon lavoro Anna Adele

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie