di Maestra Rosalba

venerdì 19 agosto 2011

Arvind Gupta: la spazzatura per fare scienze

In questi ultimi anni la didattica delle scienze nella scuola Primaria ha subito notevoli trasformazioni. E se prima si componeva da una minima  parte di aspetti pratici e da una corposa base teorica da apprendersi direttamente tramite i libri, oggi si basa essenzialmente sulle attività sperimentali sul quale poi connettere i contenuti che costituiscono il grado di conoscenza cui accedere nella scuola Primaria.
Più che alla conoscenza dei fenomeni in astratto, si pone l'accento sulla sperimentazione degli stessi e sul metodo scientifico per la loro dimostrazione. Certamente questa didattica non è capillarmente diffusa come dovrebbe essere, causa il vuoto didattico che si è creato quando lo studio delle scienze si basava sulla sola spiegazione verbale e i soli testi.
Sin dai primi vagiti di questo blog, mi sono dedicata alle scienze sperimentali, ne sono la prova le ormai centinaia di articoli e post, sia dedicati alla scuola Infanzia, sia alla scuola Primaria che "raccontano le scienze da fare e sperimentare", che affidano il compito dell'apprendimento ai gesti, alla costruzione e al ragionamento.
Di questo sono consapevoli alcuni lettori, come l'amico Fabio che mi segnala  il video di Arvind Gupta, ispiratore di molte proposte didattiche che ho rielaborato. 
Indiano, studente al Indian Institute of Technology, Kanpur Arvind Gupta ha partecipato ad un programma nazionale per la diffusione della cultura scientifica tra i bambini attraverso la costruzione di semplici meccanismi e oggetti con materiali di riciclo, altrimenti destinati alla spazzatura. Le sue realizzazioni sono altresì prive di copyright nello spirito che contraddistingue l'instancabile  suo lavoro di divulgazione, comprensibilmente destinato a tutti:  
La cosa migliore che un bambino può fare con un giocattolo è romperlo! La scienza non appartiene solo ai ricchi, in un paese democratico la scienza deve arrivare anche ai bambini più oppressi e più emarginati.    

Nel video del Ted, Come trasformare le cianfrusaglie in giocattoli, l'autore spiega efficacemente su come è possibile fare divulgazione scientifica con i bambini utilizzando materiali poveri, ma anche  la filosofia alla base del suo programma, che ha consentito a migliaia di bambini di  accedere a una cultura scientifica, bambini che non avrebbero potuto permettersi nessun altro tipo di scuola.
Buona visione


Articoli correlati per categorie


4 riflessioni:

mammozza il 20 agosto 2011 11:38 ha detto...

Non sono riuscita a capire la maggior parte del discorso in inglese ma il resto è veramente wonderful!
Il mio cucciolo si è divertito molto quando ha trasformato la carta da giornale in cappelli, barchette e magliette. Ho inserito il suo sito nell'elenco dei link più interessanti. Grazie

Chiara il 21 agosto 2011 22:04 ha detto...

lo conosco bene e, confesso, ho giocato spesso con le sue creazioni. Ho consigliato a parecchie persone il suo sito (non l'avevo fatto anche con te? Mi sarò dimenticata...); con la penuria di materiale che abbiamo a scuola e il divertimento assicurato nel creare con le proprie mani è una risorsa da non perdere!

Rosalba il 22 agosto 2011 08:20 ha detto...

Mammozza potevi selezionare i sottotitoli in Italiano, pensavo s'intuisse dal video :)

Rosalba il 22 agosto 2011 08:23 ha detto...

Si Chiara lo avei suggerito anche a me, infatti in alcuni post ho scritto che erano fatti dietro tuo suggerimento :))
Mi piaceva l'idea di poter parlare della filosifia di Arvin Gupta, che come osservi tu, in questo periodo di ristretezze economiche, di bilanci a secco, ci insegna a fare scuola, non solo divertendoci ma anche riutilizzando i materiali da gettare.
Un abbraccio

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie