di Maestra Rosalba

giovedì 10 novembre 2011

Dai passaggi di stato al ciclo dell'acqua

Anche i bambini pian piano scoprono che l'aspetto più affascinante dei contenuti di studio  è che si possono collegare tra loro: il sapere è una rete di informazioni. 
Ed proprio mentre parlano, intervengono e spiegano che si rendono conto di questi legami.  Se nei libri i contenuti appaiono per necessità slegati e separati, è il paziente lavoro di cucitura dell'insegnante a conferire omogenità e significatività con esempi, chiarimenti ed esemplificazioni pratiche. I bambini a loro volta rintracceranno nell'esperienza quotidiana, per similitudine, fatti e contenuti già conosciuti. 
Occorre tener presente, d'altra parte, il rischio che in una rete troppo fitta il bambino tenderà a perdersi per eccesso d'informazione, di contro  una rete a maglie larghe, può lasciar sfuggire per povertà di esempi, buona parte dei contenuti proposti, perfino quelli essenziali. 

D'altronde mantenere viva l'attenzione per tutti gli stili di apprendimento, dai più ricercati ai più semplici, significa dedicare un'attenzione costante alla quantità e qualità delle informazioni erogate. Meglio se corredate, ancora alla Primaria, da immagini, mappe e appunti.
La didattica è una misurazione continua dei nostri input e dei feedback che tornano dagli alunni: sono le espressioni rapite nell'ascolto o di contro le espressioni tese che indicano difficoltà a comprendere, annoiate o distratte per scarso coinvolgimento. Richiami continui non bastano: spesso è il contenuto e il modo di trasmetterlo che produce la concentrazione.

Il ciclo dell'acqua è uno di questi argomenti: possiamo infatti intravederne le origini nella materia e le sue trasformazioni, appena proposti, immaginarne la prosecuzione in un più ampio discorso di rispetto dell'ambiente, per non trascurare l'acqua dal punto di vista biologico e di coltura di vita.

Ecco allora una filastrocca sul ciclo dell'acqua con un finale sul rispetto del territorio. E' la seconda nata su questo blog sullo stesso tema, la trovate anche nel file in download dove c'è tutta l'attività sul ciclo dell'acqua e gli esercizi Dai passaggi di stato al ciclo dell'acqua

Il ciclo dell’acqua 

La superficie dell’azzurro mare, 
i raggi di sole fanno evaporare. 
Sale il vapore da fiumi e da laghi, 
foreste, prati e luoghi vari. 
Col freddo intenso le goccioline 
condensano in cielo ballerine, 
si uniscono strette, diventan pesanti,
cade la pioggia su tutti quanti.
Torna nei fiumi, nei laghi, al mare, 
fin sotto terra un po’ d’acqua scompare. 

Il ciclo dell’acqua è come una legge 
funziona bene se l’uomo protegge, 
non solo la casa con i suoi beni, 
anche i monti, i fiumi e gli oceani. 
(Rosalba Cocco) 



Articoli correlati per categorie


2 riflessioni:

Silvia ha detto...

Ciao a tutti/tutte, più che un commento questa è...una richiesta di aiuto. Mi chiamo Silvia e sono una studentessa universitaria.Per la tesi mi è stato richiesto di realizzare un laboratorio di tre incontri sul tema dello sviluppo sostenibile. Devo scegliere un concetto e realizzarlo attraverso uno strumento innovativo o comunque ideato da me. Sarò in una terza elementare. Qualcuno ha un suggerimento??? Grazie mille. Silvia

Rosalba il 28 febbraio 2012 06:44 ha detto...

In una terza elementare dovresti prima di tutto andare a controllare il programma di scienze, per l'appunto uno dei temi cardine è l'acqua, quindi ipotizzare un percorso di rispetto e utilizzo adeguato dell'acqua. Condurre insieme ai bambini alcuni piccoli esperimenti di filtraggio per spiegare l'utlizzo dei depuratori ad esempio. proprorre qualeche filasrocca a tema e far parlare i bambini e riportare nella tua tesi proprio queste risultanze.

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie