di Maestra Rosalba

lunedì 2 aprile 2012

Ah i compiti!

"Fra poco è Pasqua, questi giorni scorsi avevo pensato che è giusto, considerata la mole di lavoro che abbiamo svolto, dato che siamo in pari con le attività e che ho notato parecchi miglioramenti in molti di voi, di non darvi compiti specifici..." 
Così ho detto dopo aver sedato una piccola polemica scoppiata in classe, gli alunni hanno ribattuto "Avevo... Vuol dire che hai cambiato idea?". "No" ho risposto "Anzi il fatto che siate così polemici mi fa pensare che siete molto stanchi, come lo sono io e lo sono i colleghi, quindi manterrò quanto mi ero ripromessa di fare: nessun compito specifico ma solo la consegna di uscire più che potete, godervi l'aria aperta, osservare, rilassarvi e divertirvi. Ognuno pensi di cosa ha più bisogno e in base a ciò quando ha tempo si vada a rivedere gli ultimi argomenti delle materie dove sente di doversi impegnare di più"

La voce limpida di un maschietto, uno di quelli che ultimamente mi sta dando delle belle soddisfazioni, ha ribadito: "Io lo so di cosa ho bisogno, maestra, di rivedermi le materie di studio"

Ecco io a proposito di questa discussione sui compiti sì, compiti no, non ho molte cose da dire, anche perché in questo blog ne ho già parlato tantissimo. Nel tempo ho cercato di inventarmi una strada, anzi l'abbiamo cercata con i colleghi, che insegnasse l'importanza di un impegno minimo anche a casa, attraverso il metodo si è cercato di evitare che fosse necessaria la presenza di un adulto durante i compiti almeno dalla terza, consapevoli del fatto che non sempre per chi lavora è possibile un lavoro di affiancamento. Abbiamo cercato di evitare le invasioni di campo nel tempo della famiglia e del bambino, non dando mai compiti di domenica e dandone pochi durante le vacanze e sempre sollecitando l'autonomia, cioè il fare secondo i bisogni. Abbiamo cercato di insegnare che ci sono impegni per tutti e in misura minima anche per i bambini, considerato che il tempo scuola normale non è sufficiente a garantire  il consolidamento che servirebbe. Abbiamo lavorato tenendo presente la prospettiva del futuro scolastico, quando la richiesta di impegno a casa sarà maggiore.

Non sempre questo è bastato: ci sono bambini che continuano ad avere bisogno di aiuto nei compiti, ci sono perfino genitori che ritengono che i compiti siano troppo pochi, altri che non ne vorrebbero per lo stress che comportano. Ci sono coloro che apprezzano i compiti alternativi, come li chiama anche Profumo, ce ne sono altri che non ne colgono la correlazione con le materie di studio. 
Ci sono bambini che non amano i compiti e passerebbero il loro tempo a giocare o davanti alla tv. Ci sono bambini che non vedono l'ora di eseguirli e di portarli a scuola. 

Non esiste un unica ricetta sui compiti che, tenendo conto degli obiettivi che la scuola si propone di far raggiungere e delle variabili individuali, possa soddisfare pienamente la scuola, i bambini e le famiglie. Esistono situazioni come quella sopra da gestire di volta in volta, senza rigidità da parte di nessuno e soprattutto confrontandosi con le difficoltà, parlandone sempre e trovando la mediazione che soddisfi entrambe le parti. E non sono parti che stanno al lato opposto del tavolo come in una trattativa, al contrario entrambe siedono a fianco al bambino, si tratta solo di accordarsi sulle modalità più percorribili  per la riuscita del progetto scolastico.



Articoli correlati per categorie


2 riflessioni:

labiondaprof il 2 aprile 2012 23:13 ha detto...

Mi trovo molto d'accordo quando dici che un minimo di lavoro individuale va fatto a casa, perché non è possibile farlo a scuola, e che tale lavoro serve per consolidare quanto si apprende in classe. D'accordo anche quando dici che i bambini devono svolgere da soli i compiti...che spesso invece fanno in toto le mamme, parlo per esperienza purtroppo. Se ti interessa una serie di mie riflessioni analoghe, eccole:
http://labiondaprof.wordpress.com/2012/03/28/no-ai-compitila-scuola-e-un-villaggio-vacanze-all-inclusive/
ciao e grazie delle riflessioni:-)
labiondaprof

Rosalba il 3 aprile 2012 06:31 ha detto...

Come ha detto un caro amico, anche lui insegnante, l'unica ricetta che vale è quella del buon senso, regolarsi secondo le necessità, senza irrigidimenti.
Grazie a te :-)

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie