di Maestra Rosalba

sabato 14 luglio 2012

Educazione al minimo sindacale

Sono un'abitudinaria lo ammetto, ma è solo apparenza, se torno a fare la stessa cosa significa che c'è un motivo e non perchè il cambiamento mi spaventi. 
Perciò se torno da anni nella stessa pescheria è perchè c'è un motivo in più, oltre che trovarvi la qualità, questa è egregiamente accompagnata dalla buona educazione. La giovane proprietaria accoglie chiunque con un sorriso e in tanti anni che ci vado non c'è stata una volta in cui al sabato non ci siamo scambiate anche la buona domenica o durante la settimana gli auguri reciproci di buon lavoro. Oggi, mentre pagavo, è entrata una coppia di oltre mezz'età,  lei ha chiesto cortesemente se desideravano qualcosa, dopo una fugace risposta entrambi sono usciti, così come erano entrati senza un saluto. Lei ha mormorato  "Che vergogna chi non saluta".

Dopo alcuni minuti mi reco alla Lidl per comprare alcune cose, davanti alla cassa si forma una coda di parecchie persone, la cassiera annuncia di spostarsi alla cassa numero uno, avevo molta gente davanti a me così afferro il carrello con le mie due cose, due ventenni dietro di me mi precedono al volo piazzandosi davanti con le loro altrettante due cose. Faccio notare a voce alta che la fila non è come dovrebbe essere, impassibili come statue le due restano al loro posto. A quel punto venendo meno, ahimè, all'educazione, di pancia mi esce: "Che gente di cacca che s'incontra la mattina presto". Le statue non raccolgono la provocazione, rimangono impassibili. Ripongono la loro merce nei sacchetti, pagano e non si sente né un buongiorno, né un grazie fino a quando tocca il mio turno. Saluto come consuetudine e chiedo se devo far passare sul rullo anche le sei bottiglie d'acqua cellophanate che ho lasciato nel carrello, in modo scortese la cassiera mi risponde che ha già digitato, mi scuso dicendo che non mi ero accorta, pago le mie due cose che infilo velocemente nel carrello per non intralciare chi è dietro e saluto augurando buongiorno. Nessuna risposta arriva dall'altro capo del filo.
Mi avvio all'uscita, sosto un secondo nell'altra cassa, dove sta lavorando sorridente una mia conoscente,  ancora sconcertata dalla palese malagrazia della sua collega così mi viene spontaneo osservare: "Ci mancava proprio la cassiera che non saluta, io di fronte alla maleducazione, mi stranisco sempre." Le sorrido ancora e vado via.

Prendo atto del fatto che la gente ha smesso di salutare e ha generalmente messo in un angolo la buona educazione, la cortesia e il rispetto. Vivo nella certezza che salutarsi e rivolgersi parole di cortesia sono cose che fanno stare bene. Non dico però di esagerare come faccio io, che se trovo terreno fertile due parole veloci, un commento, una battuta non disdegno mai di farle a corollario di un acquisto, di una richiesta d'informazioni. Possiamo ripristinare il minimo sindacale dell'educazione, del rispetto e usare almeno il saluto?



Articoli correlati per categorie


3 riflessioni:

Federica Scarrione il 14 luglio 2012 18:57 ha detto...

Davvero una giornataccia... Per fortuna la maleducazione non è ancora così generalizzata. La sua progressiva diffusione, tuttavia, che mi sembra di poter riscontrare nella frequenza di episodi simili a quelli da te citati, mi preoccupa non solo in sé, ma anche come segnale di un problema sociale: individualismo, chiusura diffidenza sono i sintomi di una malattia del mondo che ci circonda. E dire Hide basterebbero intraprendenza e ottimismo per curarla!

Rosalba il 14 luglio 2012 19:28 ha detto...

In un luogo pubblico, come giustamente mi è stato fatto osservare, sono anche un forte deterrente al ritorno del cliente. In realtà nell'essere socievoli e cortesi c'è un forte componente di autostima perché significa appunto mettere in atto ciò di cui parli intraprendenza e ottimismo, le cui forti ripercussioni sono verso il sè. Difficile farlo capire oggi.

angela mammasuperabile il 14 luglio 2012 20:46 ha detto...

inconcepibile, costa niente salutare e si fa solo bella figura!
una cosa che non concepisco di lidl è la lunghezza ridotta della parte delle casse riservata allo stivaggio degli acquisti già pagati... già è scortese questo, se poi anche la cassiera ci mette del suo...

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie