di Maestra Rosalba

lunedì 10 agosto 2009

Prove di verifica e prove di ingresso per scuola Primaria

L'inizio dell'anno scolastico nella scuola Primaria comporta necessariamente, oltre ad una accoglienza che metta a proprio agio alunni e genitori, un lavoro di verifica dei prerequisiti posseduti dai bambini.
La richiesta di materiale da parte di una collega e la conseguente ricerca in rete dei materiali disponibili gratuitamente mi ha permeso di conoscere il sito Padova.net, all'interno del quale, oltre a una serie di servizi per le famiglie, c'è una sezione dedicata ai docenti in cui sono presenti una serie di prove strutturate di italiano da somministrare agli alunni stranieri nuovi iscritti, per conoscere le competenze sul quale è possibile innestare o eventualmente differenziare il lavoro didattico. Le prove per le classi prima e seconda, terza, quarta e quinta, e per la prima classe si scuola secondaria di primo grado, sono state elaborate da Gabriella Debetto con la consulenza scientifica di Maria Cristina Peccianti. L'editing è stato curato da AnnaMaria Napolitano. Maria Cristina Peccianti ho già avuto modo di incontrala quale autrice di testi per la scuola Primaria. Anche queste schede non deludono come la maggior parte dei suoi lavori. Nel sito è possibile scaricare le istruzioni, le schede e le copertine delle prove. Un lavoro estremamente ben fatto che a mio avviso può essere utilizzato anche nella classe prima per tutti gli alunni.
Prove di ingresso di Italiano per alunni stranieri

Nello specifico per gli alunni che devono iniziare la classe prima ho preparato alcune prove di ingresso che servono ad evidenziare la capacità grafica fine, il livello del disegno e infine la capacità logica/associativa. La scheda ha puro valore indicativo e serve a farsi un idea di come gli alunni si misurano con il foglio, di come impugnano la matita e l'orientamento spaziale su cui impostano il tratto grafico.
Segnalo inoltre un programma free "Libri parlanti" per costruire libri creato dal professore Giuseppe Bettati, il programma sopperisce alla mancanza di software free con sintesi vocale, ed è utilissimo strumento creativo per tutti gli alunni. I libri creati è possibile pubblicarli sul web o vederli in modalità Presentazione, a corredo del programma vi è un'applicazione per le verifiche, che mi è parsa veramente fatta bene.
L'unica cosa, spiegata nel dettaglio dopo che avete fatto il download per poter utilizzare il programma VerificheMachine, è che dovete richiedere la password via mail e dovete avere attivato la mail del sito Pubblica Istruzione.
Dal sito dell'autore, potete scaricare il pacchetto completo Libri parlanti e VerificheMachine, qua è visibile un esempio di libro realizzato. Se il vostro computer non ha il controllo activex potete semplicemente seguire le istruzione e installare direttamente dai link quanto è richiesto.


Articoli correlati per categorie


9 riflessioni:

rosy il 10 agosto 2009 19:57 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
rosy il 10 agosto 2009 20:01 ha detto...

rosy ha detto...

Cara Rosalba, Claudia è mancina e scrive un po male, a zampe di gallina.
Laura, ogni giorno le fa fare mezz'ora di allenamento ma io ho l'impressione che scrivendo con la sinistra le crea un po di impaccio. So che non è vero e forse voglio trovare una giustificazione per me stessa.
Ricordo che all'epoca mia, le suore ci facevano riempire quaderni di mazzarelle e di tutte le lettere dell'alfabeto, non in prima, ma all'ultimo anno di asilo si inziava, quando si arrivava in prima, almeno con le distanze andavamo bene.

Anche i miei figli hanno iniziato direttamente a scrivere, e non ci sono stati problemi, solo con Luca che scriveva a zampe di gallina, le insegnanti mi dicevano che non era importante come scriveva, ma quello che scriveva...non ti nascondo che feci del tutto per insegnargli a scrivere bene...un po migliorò ma ancora oggi capire la calligrafia di Luca è un'impresa, veramente.

Ma ci possono essere bambini che per iniziare a scrivere bene hanno forse bisogno di fare l'antico rodaggio delle famose mazzarelle? Grazie.
Ciao.

PS Se l'anno prossimo verrò in Sardegna avrò piacere di conoscerti.

Rosalba il 10 agosto 2009 20:14 ha detto...

Ciao rosy, concordo con il lavoro di tua figlia Laura, un pò di allenamento non guasta. Credo che prima esagerassero con le mazzarelle come le chiami te, ma non fare nessun esercizio e non guidare il bambino ad eseguire un segno grafico corretto è altrettanto sbagliato. Credo che il giusto sia nel mezzo, cercare di speigare bene ai bambini come devono fare e sostenerli nel nuovo percorso con pazienza e amore finche non scrivono in maniera leggibile. Il risultato più bello è quando ogni bimbo riesce a leggere la propria scrittura. Questo è l'obiettivo. Poi le personalizzazioni della calligrafia arrivano dopo. Un bacione grande

lella il 10 agosto 2009 21:29 ha detto...

Ciao Rosy,vedo che ti stai dando da fare anche tu.......
Interessanti i link forniti,ma non riesco a trovare prove di matematica,visto che insegno quella disciplina.
sto cercando qualcosa di particolare per i primi giorni,perchè dopo tanti anni inizio ad essere a corto di idee perchè mi piace cambiare ed essere innovativa.
Quindi continuo a curiosare nel web e a prepararmi all'ennesimo viaggio insieme ai miei adorabili genietti :-)
Lella

Rosalba il 11 agosto 2009 09:06 ha detto...

Buon giorno Lella, ho trovato molte prove di matematica nel sito Dienneti che è una rassegna abbastanza esaustiva di ciò che si trova in rete. L'unico problema che vedo nelle prove di verifica già pronte è che vanno sempre adattate agli alunni e al programma svolto. A quel punto non so è meglio farle daccapo
Buona Giornata ^_^

chicchina il 11 agosto 2009 21:50 ha detto...

Ciao,Rosalba,sempre attiva!
Pensa che per 20 anni ho gestito una libreria cartoleria scolastica ed ero a contatto diretto,tutti i santi giorni con genitori alunni e insenanti.Ero cos' entrata nella parte che non riuscivo a capire dove finiva il mio lavoro,che avrebbe dovuto essere solo commerciale,e dove iniziava l'altro,di affiancamento ad alunni insegnanti e genitori.Poco ci mancava che mi trasferissi a scuola pure io.
Mi piaceva ,allora,e non c'era il computer,internet,tutto stava nella buona volontà degli insegnanti,ma esiste un monumento all'insegnante?-Anmche adesso immagino molta parte del lavoro passa attraverso questa dedizione degli insegnanti.Tu ne sei un esempio vivente.
Quando inizio a parlare non la smetterei mai.Scusami.
Giorni sereni,e cordialissimi saluti

Linda ha detto...

Cosa dirti....sei unica!!!!
Grazie mille !!!

Rosalba il 12 agosto 2009 12:15 ha detto...

Ciao Chicchina, quando si ha a che fare con i libri e i saperi anche se per scopo commerciale, il rapporto non può esaurirsi in una semplice transazione, non fosse altro perchè la scelta dei libri comporta sempre uno scambio di pareri il cui contenuto travalica la superficialità dei contatti e assume connotazione significativa per la persona.
Amo i libri e giudico il lavoro a contatto con i libri molto affascinante. Anche perchè di libri ne nascono sempre di nuovi ed è un pò come la nascita di qualcosa di vitale...
Un caloroso abbraccio ^_^

Rosalba il 12 agosto 2009 12:15 ha detto...

Linda ma grazie!! mi fai arrossire :-P
Un bacio

 

Lettori fissi

Chi sono

Le mie foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2012 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Disclaimer e Licenze