di Maestra Rosalba

venerdì 4 giugno 2010

World Environment Day 2010: Giornata Mondiale Dell'Ambiente

"Il mondo che vorrei"
Giulia: Io vorrei che nel mondo non ci siano guerre e sia pulito. E nei boschi non si taglino gli alberi perchè si distrugge la terra. Quando nei mari si buttano le lattine e altre cose si uccidono gli animali che vivono nel mare tipo i pesci. L'aria si inquina con i fumi e i fuochi degli incendie io non voglio che succeda. Quando le persone vanno a fare dei pic-nic nei boschi non devono lasciare i rifiuti perchè poi uccidono gli animali e non si dovrebbe fare perchè anche gli animali devono avere la loro vita. E le persone se potessere tenere ognuno le sue cose, senza che altri le prendano, perchè altrimenti nascono le guerre tra le persone. Queste cose vorrei che non succedessero.
Stefano: Io vorrei che in Italia non se ne freghino in tanti della natura. Io voglio un mondo pulito, dove curano gli animali, dove puliscono. Il mare viene inquinato dai cittadini menefreghisti: ci sono sigarette, buste, pezzi di vetro e petrolio. L'aria è inquinata dai gas, dal fumo degli incendi. Gli incendi vengono provocati con la benzina, danno fuoco con un accendino e provoca tanto fumo che fa scomarire l'ossigeno. Ora basta sporcare bisogna trattare con cura il mondo e non sporcarlo come fosse la pattumiera di tutti. Secondo me giocano con il mondo. Sembra che la terra sia resistente e invece è fragile.

Chiara: Io vorrei un mondo più pulito senza cicche, cingomme e scritte sui muri. Quando le persone vanno al mare vorrei che non buttassero le bottiglie e le cartacce nel mare o sulla sabbia. Quando le persone mangiano fuori casa vorrei che gettassero i rifiuti in una busta e nella pattumiera. Le persone che fanno pic-nic in un bosco e accendono il fuoco vorrei che non lo lasciassero acceso perchè infiamma tutto.

Thomas: Il mondo vorrei che sia così: pulito e semplicemente messo tutto a posto. Vorrei che tappassero quel maledetto buco (n.d.r. il buco nella piattaforma nel Golfo del Messico) che può causare problemi a tutti nel mondo.Vorrei che non succedessero gli incendi, le trombe d'aria e i terremoti. Per ultima cosa vorrei che gli uomini facciano il loro dovere.

I bambini parlano ed esprimono il loro dissenso, ma anche la volontà di cambiamento di rotta rispetto ai comportamenti umani. Parlano di abitudini quotidiane sbagliate, dei grandi disastri causati dall'uomo e dalla sua avidità. Parlano di senso del dovere e di senso del limite, il limite oltre al quale il pianeta non riuscirà da solo a rigenerarsi. E' il nostro contributo alla Giornata Mondiale dell'Ambiente domani 6 giugno 2010.
Parlarne, poi parlarne e ancora parlarne con i bambini, per continuare ad agire insieme.

La Giornata mondiale dell'ambiente (World Environment Day) fu istituita nel 1972 dalle Nazioni Unite, essa mira alla sensibilizzazione e alla partecipazione con concrete azioni collettive e individuali.
Il tema di quest'anno è “Many Species. One Planet. One Future.” In sostanza vengono ripresi i temi della Biodiversità fortemente minacciata dai comportamenti umani.  
Il Ruanda è il paese scelto a rappresentare il WED sia per la presenza di specie in pericolo come i gorilla di montagna, sia per la politica verde orientata alla Green Economy.
Come contribuire?
Basta anche una semplice azione: piantare un albero, andare a lavorare a piedi, riciclare, organizzare una spedizione per pulire il vicinato, non utilizzare sacchetti di plastica per la spesa e spingere gli altri a fare altrettanto… (Fonte Marrai a Fura)

Il film Home di Yann Arthus-Bertrand già su questo blog in occasione del World Environment Day 2009
Il video di World Environment Day 2010

I link educativi per i bambini
Tantissime attività on-line da provare subito con i bambini a casa o con gli alunni a scuola, senza dover scaricare nulla sul pc sul sito World Environment Day Activities and Crafts for Preschool and Kindergarten cliccate qui e divertitevi a ricostruire il puzzle.
Fun.school.kaboose tutto in inglese ma veramente facile da usare, con la possibilità di conoscere tante parole nuove e imparare giocando.

I link per gli studenti
Festival Internazionale dell'Ambiente 2010: opportunità della Green Economy. (fonte http://www.greenme.it/)
Un portale per la raccolta delle migliori tesi di laurea sull'ambiente: L'ambiente si Laurea (Fonte http://www.universita.it/ )
Premio Laura Conti per le migliori tesi di laurea sull'ambiente.


Articoli correlati per categorie


7 riflessioni:

elisa il 4 giugno 2010 20:04 ha detto...

instancabile rosy...grazie pe rle informazioni
un caro saluto

rosy il 4 giugno 2010 22:48 ha detto...

Cara Rosalba, ho i minuti contati, il portatile è di Luca il mio sarà pronto domani
Passo per un saluto e vedo gia che qui è tutto molto bello e importante.
Leggerò con calma.
Un bacio grande Rosalba
Ciao maestra.

lella il 5 giugno 2010 21:43 ha detto...

Abbiamo lavorato e seminato tanto su questo argomento e spero che qualche germoglio possa nascere nei loro cuori adesso ed in futuro.
Noi facciamo il possibile e l'impossibile per sensibilizzarli,ma a mio parere in questo come in altri argomenti,è necessario l'appoggio dei genitori,altrimenti il nostro lavoro viene vanificato.
kiss
Lella

rosy il 5 giugno 2010 23:14 ha detto...

Cara Rosalba, per cambiare il mondo c'è un solo modo, ed è quello di restare sempre bambini
Come Giulia, Stefano e Chiara.
Peccato che si cresce.
Ma auguro a questi bambini un mondo veramente migliore.


Buona Domenica a te e famiglia.
Bacione

Rosalba il 7 giugno 2010 18:44 ha detto...

Grazie Elisa, un bacione

Rosalba il 7 giugno 2010 18:48 ha detto...

E' vero Lella la collaborazione dei genitori è essenziale. Ed è anche vero che sempre più persone cominciano a preoccuparsi di cosa realmente si possa fare nel nostro piccolo per l'ambiente.
Io ricordo che gli argomenti fatti coi miei insegnanti, persone nel quale nutrivo molta fiducia, sono rimasti in me come piccoli semi che poi sono germogliati.
Credo che questo possa continuare ad accadere anche tramite noi, a maggior ragione per la salvaguardia del nostro pianeta.

Un bacione grande

Rosalba il 7 giugno 2010 18:53 ha detto...

Rosy io credo che in molti di noi è rimasta la parte bambina, credo che quella parte muore quando da adulti quando si smette di sognare e di giocare.

Un uomo e una donna non dovrebbero mai smettere di coltivare un sogno, di guardare al mondo con rispetto e curiosità e fare buoni progetti fino all'ultimo respiro.

Un bacione grande

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie