di Maestra Rosalba

lunedì 28 marzo 2011

Presentare, Creare E Utilizzare Le Mappe Nella Scuola Primaria

Nelle materie di studio l’utilizzo degli schemi, che analiticamente e con metodo permettono di ricordare i punti chiave dei contenuti, sono una necessità prima di tutto metodologica.
Ma creare mappe, siano esse mentali che concettuali, è un’attività che deve porre come presupposto, il fatto che non solo si capisca come si devono costruire rispetto ai contenuti, ma anche come leggerle e interpretarle poi durante lo studio.
La mappa concettuale per lo studio della geografia ad esempio, è fatta spesso di argomenti che stanno insieme gerarchicamente, le caselle più grandi della mappa comprendono gli argomenti nelle caselle più piccole, ma deve evidenziare anche i collegamenti trasversali, ad esempio:

--> aspetto antropico -->sfruttamento delle risorse (vedi immagine sotto).

La mappa concettuale, quindi, è uno strumento che inizialmente va costruito  in classe con gli alunni, anche con semplici disegni alla lavagna, per condurli pian piano all'ideazione di gruppo prima e in seguito individuale, delle mappe necessarie alla sintesi, allo studio e all’approfondimento.

Imparare a ordinare le idee:
- Iniziare con diagrammi di flusso.
- Presentare e disegnare alla lavagna (anche LIM) semplici mappe, poco articolate.
-Creare le mappe più complesse con i bambini, procedendo in modalità “passo passo”, utilizzando un testo di riferimento, ad esempio se si tratta di Geografia: un paesaggio, la montagna o una regione.    
-Utilizzarla contestualmente mentre si analizza il testo, rintracciando la collocazione dei contenuti, perché si trovano in quella posizione e a quale categoria appartengono.
- Infine fare realizzare da soli le prime mappe, fornendo brevi testi di argomenti semplificati.

Sotto un esempio di mappa che nel dettaglio indica cosa studiare di un ambiente, ma spiega anche in modo efficace come i contenuti sono gerarchicamente organizzati, con parole chiave che ne contengono altre, che a loro volta comprendono altri argomenti.
Una mappa affinchè raggiunga il massimo grado di fruibilità,  deve illustrare efficacemente l'organizzazione dei contenuti al primo impatto visivo, almeno per le prime fasi del suo utilizzo. E' bene presentarle con prudenza quando i contenuti sono articolati e ramificati. Il bambino non riesce a connetterli tutti in maniera logica e a cogliere tutti i legami. L'introduzione della complessità deve essere graduata e ben spiegata.

Ho testato diversi programmi per la creazione di mappe e fra i tanti ho trovato facilissimo da usare XMind, nella versione free, dopo averne visto qualcuna anche con la collega.  Inizialmente lo userò in maniera guidata in laboratorio e con la LIM,  poi chiederò agli alunni di riprodurre mappe pronte, per utilizzarlo poi per la mappatura di testi semplici. Il programma ad esempio, consente di creare nodi espandibili, utili a far comprendere  come ogni argomento ne possa contenere un altro.

Mappe e DSA
Infine, ma non in ordine d'importanza, da sottolieare il ruolo che le mappe giocano rispetto agli alunni con DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento), esse sono diventate strumento  indispensabile per facilitare lo studio, la memorizzazione e la comprensione a livello generale dei contenuti oggetto di studio. 


Articoli correlati per categorie


7 riflessioni:

joe il 29 marzo 2011 10:26 ha detto...

...questa è una grande cosa! nella scuola si spiega: sempre, cosa studiare, talvolta, quando studiare, raramente, come studiare. mentre in realtà quest'ultimo argomento è la base e, l'utilizzo delle mappe nell'apprendimento è fantastico:
complimenti maestra Rosalba!

Rosalba il 30 marzo 2011 15:01 ha detto...

Grazie Giuseppe. Oggi ho presentato il programma per realizzare le mappe al pc, ci vorrà un pò di rodaggio, ma credo che capiranno bene il meccanismo. Con pazienza ecco.

Anna Rita Vizzari il 31 marzo 2011 09:26 ha detto...

Rosalba, scusami, leggo soltanto adesso questo bellissimo post.
Vedo che hai subito familiarizzato con il programma.
Da quando usiamo XMind giungono apprezzamenti positivi sui genitori che hanno notato un netto miglioramento proprio nel metodo di studio.

Anna Rita Vizzari il 31 marzo 2011 14:48 ha detto...

Errata corrige: giungono apprezzamenti positivi DAI genitori, non SUI ;).

Chiara il 31 marzo 2011 20:11 ha detto...

bellissimo, in classe ho due alunni dsa quindi cerco di usare il più possibile mappe e schemi o tabelle. finora me li creavo ad hoc o, spudoratamente, scopiazzavo. proverò xMind, grazie! (come al solito)

una stanchissima Chiara

Rosalba il 2 aprile 2011 13:23 ha detto...

Anna Rita, ho presentato il programma ai bambini, mi pare molto intuitivo tanto da poterne porporre un uso collettivo o di piccolo gruppo. Le mappe stanno aiutando tantissimo i bambini nello studio. Solo che disegnarle è una faticaccia!
Grazie!!

Rosalba il 2 aprile 2011 13:23 ha detto...

Chiara carissima, ci rimangono due mesi e più di intenso lavoro, e già abbiamo l'affanno. Sono contenta di esserti stata utile!
Un bacio grande grande

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie