di Maestra Rosalba

martedì 12 luglio 2011

Costruire una giostrina ad elettricità statica

Fare scienza con i bambini non ha bisogno di particolari accorgimenti, perchè la "pratica" della materia esercita un suo fascino senza l'aggiunta di molto altro. Si sa i bambini amano giocare e gli piace il gioco fine  a se stesso, in quanto pratica ricreativa e puro divertimento: sia riferito all'utilizzo del proprio corpo sia nella manipolazione di oggetti. E il gioco, per quanto agli occhi degli adulti non appaia,  ha una sua funzione, sia pure semplicemente esplorativa è sempre finalizzata alla conoscenza. Quello che è meno evidente è il livello di consapevolezza, ma per questo esistono gli adulti: per spiegare ciò che a un bambino sfugge necessariamente. L'importante è non sacrificare il gioco in nome della spiegazione o viceversa il gioco in nome della spiegazione. Ovunque e in qualsiasi contesto si giochi, il gioco della scienza con i bambini deve essere una forma ben dosata di ludicità (perchè la forma ludica ha regole ben precise a differenza del solo gioco) e di atteggiamento scientifico con i suoi perchè, le sue ipotesi, le smentite, le conferme e le soluzioni. A casa, a scuola e ovunque.

Costruire una giostrina ad elettricità statica
Di elettricità statica si è già parlato, del passaggio di ioni attraverso lo sfregamento di materiali come la plastica, la lana e la carta. 
La forza di attrazione degli ioni permette di spostare appunto i materiali, lo si è visto qui con il flusso dell'acqua. Ricordiamo ai bambini che ogni volta che esercitiamo l'elettricità statica il processo è sempre lo stesso, possiamo però inventare nuovi giochi e piccoli marchingegni, che in realtà il marchingegno è qualcosa di complicato e non sempre funzionante, invece questa giostrina è semplicissima e funziona se si sta attenti ad un solo piccolo particolare.

Occorrente:
un bicchiere di plastica,
una matita ben appuntita,
carta bianca e colorata,
ago e filo da cucito,
un tovagliolino di carta,
una cannuccia.

Esecuzione:
Infilare la matita nel bicchiere di plastica per posizionarla in piedi, ritagliare un quadrato di carta, piegarlo in quattro, scontornarlo per dargli una specie di forma tonda, appenderci con l'ago e il filo piccoli animaletti di carta come in foto:

posizionare la parte superiore della giostrina sulla matita ottenendo un buon equilibrio, sfregare la cannuccia nel tovagliolino di carta e avvicinarla senza mai toccare, girando intorno alla carta. Non essere nè troppo veloci nè troppo lenti. Provare a invertire il senso. Se per gli animaletti usate la carta anche essa verrà attratta dalla cannuccia, occorre essere abili a evitarli.
Ecco il video dell'intera realizzazione:



Articoli correlati per categorie


2 riflessioni:

Twins(bi)mamma il 12 luglio 2011 15:04 ha detto...

uao che bella cosa da fare con i miei twins...grazie proverò..

Sybille il 13 luglio 2011 09:58 ha detto...

é fortissimo, me lo segno!

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie