di Maestra Rosalba

lunedì 18 luglio 2011

Il dissenso per la casta al prezzo di un mi piace e di un +

Vado fuori tema, poi  mica tanto perchè sempre di educazione e di crescita si tratta, forse non proprio di bambini, più propriamente di adulti della rete.
Dateci una rivoluzione pronta e sarà la nostra. Mi sembra una buon vestito da far indossare alle migliaia che si sono iscritti alla pagina fan di feisbuc e che hanno commentato i segreti della casta di Montecitorio. Segreti inenarrabili cui aggiungerei il furto delle marmellatine della colazione. 
La protesta al prezzo modico di un + su google o di un mi piace su feisbuc. E così abbiamo fatto il nostro dovere, tacitato la nostra coscienza di cittadini onesti, che mai ci saremmo appropriati di una sola matita nel caso ci fossimo trovati a Montecitorio, con le mani nel vasetto del miele. 
Comodissima poi la storia da bere tutta d'un fiato del povero discriminato, usato, gettato via da Montecitorio, che oggi  racconta cose dolorosamente inenarrabili. Cose che nessuno di noi poteva lontanamente immaginare. 
Peccato che il silenzio dei quindici (ribadisco 15) anni precedenti urli vendetta e che il suo interessante reportage lo poteva fare prima, mentre condivideva le comodità della casta. Perchè non deve essere poi questa cosa terribile lavorare per la casta, se è stato zitto per quindici (ribadisco 15) lunghi anni.
Ciò che lascia sgomenti non è il dissociato della casta, è il comportamentodella rete,  e lasciatemi dire che è proprio il popolo di feisbuc e non quello del web che s'innamora di queste cause. Chi la rete la conosce davvero e la frequenta impara subito a distinguere cosa è vero e cosa no. Cosa è autenticamente denuncia e cosa è specchio per gli allocchi.
Per gli allocchi che si indignano coi mi piace e con il +, che seduti al desco di fronte al tiggì ascoltano il Ministro Rotondi che dice che la reazione del web è giustificata, che va accolta e che è ora di cambiare coi vecchi sistemi, ecco finalmente ora sanno di aver fatto la cosa giusta.
Non ho messo il link al sito e alla pagina, mi spiace ma il link è un valore  per chi scrive seriamente in rete, e non una cosa da regalare a casaccio a un pentito di Montecitorio.



Articoli correlati per categorie


4 riflessioni:

Mamma C il 18 luglio 2011 09:46 ha detto...

Bel post! Per altro leggevo che questo discorso del pentito potrebbe essere tutto un bluff:

http://www.stopcensura.com/2011/07/i-privilegi-della-casta-di-montecitorio.html

Io consiglio di leggerlo, questo libro. Molte cose appariranno più chiare..

gturs il 18 luglio 2011 21:13 ha detto...

Brava Rosaria, la penso proprio come te! Quanti caproni...
Ciaou;))
Roberta

Twins(bi)mamma il 19 luglio 2011 11:47 ha detto...

mah non saprei...per il bluff intendo...comunque so da altre fonti interne che ne hanno di agevolazioni sconti treno, sconti auto, sconti telefonici, sconti parrucchiere anche per famiglia, sconti voli aerei e altro..il problema è che questi sconti li paghiamo noi e questo non è giusto...la rete è anche un modo di diffondere la indignazione della gente poi comunque anche in questi casi c'è chi se ne approfitta ...

Chiara il 19 luglio 2011 22:49 ha detto...

ciao Rosalba,
purtroppo tutto ciò che dici è vero ma, anche se tanti privilegi eran già noti, qualcuno deve mettere la goccia che poi farà traboccare il vaso.
Quel che temo è che tutto svanirà fra qualche settimana e l'indignazione popolare andrà in vacanza con gli italiani.
La cosa che vorrei è che questo dissenso nascesse anche quando troviamo una macchina parcheggiata su un passaggio pedonale, quando chiediamo di pagare in nero per risparmiare qualche soldo, quando vediamo un collega che fa bella figura per un lavoro fatto da altri, quando qualcuno non aiuta un anziano in difficoltà e tante altre volte in cui l'abitudine al malcostume ci fa pensare che essere furbi sia meglio che essere onesti.
un abbraccio

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie