di Maestra Rosalba

domenica 17 luglio 2011

Turista cafone non sarò tuo complice

Le spiagge di Piscinas, con il loro entroterra desertico di dune vive (le più alte d'Europa) sono uno dei più bei paesaggi della Sardegna. Se altrove trovate le belle case, gli agriturismo, i resort sia pure immersi nella vegetazione, qui c'è la natura, ancora selvaggia, intatta.
Chilometri di sabbia dorata e finissima accolgono i passi del viaggiatore come se il mondo non dovesse finire mai.
Onde,  amate da temerari surfisti anche in inverno, che il maestrale generoso spinge con foga inumana , spazzano la rena, ammucchiando sul limitare roccioso, piccoli ceppi sbiancati dal sole e dal sale. 
Qua e là ricordi di vacanze, bottiglie di plastica, variegati oggetti, segni dell'innaturale mano umana, lenti a consumarsi come il dolore.
E come in una rituale preghiera, tutti i pomeriggi capita di dover ricordare ai bagnanti di portarsi via la spazzatura. Ieri pomeriggio a Piscinas, ieri l'altro a Costa Verde. 
In questa porzione di terra di Sardegna si trovano pochi stabilimenti balneari, il parcheggio, scomodo  d'accordo, ma quasi ovunque libero fatti salvi pochissimi punti. La spiaggia libera, incondizionatamente aperta a tutti, da buona padrona di casa accoglie senza distinzioni, sperando segretamente che chi arriva abbia gli occhi e il cuore per apprezzare con stupore una natura che comincia ora a riprendersi da un incendio che durò oltre tre giorni, una trentina d'anni fa. Quando in questi luoghi dimenticati perfino dalle cartine geografiche, ci venivano solo i tedeschi (che se sapevano più di noi) e pochi hippie in cerca di solitudine e privacy.
Camminare per ore nelle dune di sabbia verso l'interno, incontrare i ruderi minerari di Naracauli e Ingurtosu, addentrarsi nei boschi dove il cervo sardo dopo secoli di vita raminga e clandestina ha ripreso il suo incontrastato dominio, accompagnato dai piccoli animali della macchia mediterranea. 

Chi frequenta questi luoghi ne ama le scomodità, ama l'assenza dei market, di un bar che devi saper trovare, sa di doversi attrezzare perchè la natura vera non è né comoda né facile. Sa anche di fare un'esperienza unica nel suo genere.  In mezzo a tutto questo l'idea che nulla ci appartenga e che nulla è per sempre si percepisce forte, si capisce di quanto siamo umanamente piccoli, insignificanti e perfino quella lattina, quei bicchieri di plastica, le bottiglie, lasciati a perenne sfregio di questi luoghi, dureranno infiniti e più anni.
Una famiglia con accento romano, e figli al seguito,  ieri si divertiva a scalare un tronco tenacemente  piantato in spiaggia, al rientro in città, racconterà di aver visto la selvaggia spiaggia di Piscinas dimenticando di dire di averci lasciato l'evidente traccia della stupidità e  dello schifo umano. Abbiamo pietosamente raccolto quei rifiuti, lo stiamo facendo tutti giorni anche per la spazzatura lasciata dai nostri corregionali: l'idiozia umana non ha distinzione di provenienza.
Passate parola e in qualsiasi posto vi trovate, ricordate ai viandanti di portarsi dietro la spazzatura.  Apostrofate questa gente senza paura, perchè è la paura che ci rende complici, fatelo davanti ai vostri figli, diffondete l'invito perentorio, date l'esempio, quando vi capita di trovarvi di fronte  alla flagranza del reato, perchè è un reato.



Articoli correlati per categorie


4 riflessioni:

Anna Rita Vizzari il 17 luglio 2011 08:07 ha detto...

Grossissimo ed eterno problema che ha richiamato alla mente alcuni miei scatti di 6 anni fa: "Quello che lasciano i turisti 1/2/3/4" (http://www.flickr.com/photos/latiranna/63482935/in/set-1387384/).
Grazie, Rosanna, per quello che fai e per quello che scrivi.

Anna Rita Vizzari il 17 luglio 2011 08:08 ha detto...

Ma come mai mi viene sempre da chiamarti Rosanna? Sei ROSALBA, lo so... mannaggia a me!

Juhan il 17 luglio 2011 08:53 ha detto...

Dai insisti, prima o poi qualcuno si riesce a civilizzare. Anche se è dura!

lella il 17 luglio 2011 15:46 ha detto...

è davvero un annoso problema che non si riesce a risolvere.Non so, a volte mi sorge il dubbio che almeno fra i paesi europei siamo i più indisciplinati e di norma l'italiano si nota all'estero per la sua noncuranza al problema.
Potrebbe essere risolto non solo con una corretta educazione in famiglia(oltre che a scuola)ma anche i servizi dovrebbeo essere efficienti.Come mai all'estero c'è un bidone ad ogni passo e addirittura quello per le sigarette?In Italia francamente ne ho visti pochissimi e la gente poco educata evidentemente ne approfitta.
Comunque la Sardegna è una gran bella terra ed andrebbe valorizzata molto di più.
buona continuazione
Lella

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie