di Maestra Rosalba

mercoledì 14 dicembre 2011

Ma esiste Babbo Natale?



I giorni che precedono il Natale a scuola, di solito si caratterizzano per l'attività piuttosto frenetica. Per quanto si possa decidere di fare anche poche semplici cose,  caratterizzate da multiculturalità e da laicità è impossibile continuare, per via delle sollecitazioni dei bambini, a far finta che sia un periodo dell'anno come un altro. 
Ed è proprio in questo clima caratterizzato dal lavoro di gruppo, da scambio e intenso via vai che i bambini hanno modo, più spesso che negli altri periodi di parlare, scambiare pareri e informazioni.
Ieri l'altro, proprio in una situazione come quella descritta, si sono avvicinate alla cattedra, mentre io smistavo le letterine per i compiti delle vacanze di Natale, due bimbe di quarta. Con molta cortesia, guardandosi in giro in maniera dubbiosa, hanno detto quasi in coro: "Maestra possiamo farti una domanda?" Ho risposto rinforzando con un cenno del capo: "Sì, certo!" Hanno continuato incerte: "Ma, secondo te, esiste Babbo Natale". Ho continuato ad armeggiare coi fogli sparsi, mi sono presa i secondi necessari a capire dove volevano andare a parare, nel frattempo hanno continuato a guardare perplesse dietro di loro. 
Dietro a loro c'era un gruppetto misto di alunni, non più di quattro, apparentemente assorti nel lavoro.
In quei secondi ho valutato cosa dire, ho abbassato lo sguardo sulla cattedra e mi è cascato l'occhio su un disegno di Babbo Natale, messo a corredo di una storia che ho preparato come lettura per le vacanze e ho risposto: "Volete sapere cosa penso, se io ci credo?" "Sì." Hanno detto in coro voltandosi per l'ennesima volta e permettendomi così di capire cos'era appena accaduto. 
"Vedete questi fogli? Li ho preparati per voi, ci ho messo Babbo Natale, perché in qualche modo vuol dire che ci credo, che voglio ancora alla mia età credere in ciò che amo e mi piace... Come mai lo chiedete?" E voltandosi verso i compagni hanno detto: "Loro hanno detto che non esiste, che è un'invenzione". Le ho guardate entrambe e lì mi è venuto da pensare a loro come a due anime pure e semplici, non ho perso di vista  il gruppetto alle spalle che faceva vistosamente finta di non ascoltare e mi è venuto da pensare che erano i duri, quelli che già si sentono di togliere le ancore dall'infanzia, si vede da come scalpitano, da come faticano a controllarsi a volte. 
Le bambine si sono voltate di fronte a me, chiudendo la vista verso i compagni e allora, solo allora, sicura di non essere ascoltata, ho aggiunto con calma: "Ciascuno decide liberamente cosa continuare a credere, se a voi Babbo Natale piace e non c'è nulla che vi faccia pensare che non esiste, dovete crederci. Così come i vostri compagni è giusto che abbiano la loro opinione. Non c'è un limite, nè un'età per la fantasia, noi decidiamo quando e quanto farne uso, perciò se la vostra convinzione è quella, dovete continuare a sostenerla". 

Sono tornate al loro posto e ho continuato silenziosamente a riflettere sulle caratteristiche dei bambini, alcuni li ho definiti puri nel senso che mantengono ancora intatti, pur comportandosi già come bambini cresciuti, alcuni tratti dell'infanzia. Altri  invece sono più pratici, i duri, maggiormente proiettati avanti nel tempo, forse influenzati da fratelli più grandi, più consapevoli e in qualche modo più smaliziati.
Ma solo grandi apparentemente, come se avessero una specie di scorza, perchè alla fine, mi sembrano loro i più fragili, con quest'ansia di correre, di ritrovarsi già a quindici anni e di staccarsi dall'influenza dell'adulto. Gli altri mi sembrano invece più disposti ad aspettare ecco. Quasi a godersi questi scampoli d'infanzia che ancora restano. Perchè, mentre tornavano al posto, il lampo di luce della fantasia, di quella fantasia che non vuole ancora rompere l'incantesimo, l'ho comunque vista.

E in ciascuno c'è qualcosa di bello, che si completa con l'altro modo di essere. Perchè a stabilire cosa esiste e cosa no è proprio quel confronto tra bambini, anche così sofferto a volte.


Articoli correlati per categorie


1 riflessioni:

Mammachefatica il 14 dicembre 2011 23:13 ha detto...

Qualcuno suggeriva la risposta di Babbo Natale: "Se non credi che io esista, ti cancello dalla lista :-) "

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie