di Maestra Rosalba

venerdì 13 aprile 2012

Rappresentare i dati: tabelle e grafici

Nel programma di geografia di quarta un paragrafo è dedicato agli strumenti del geografo, alle modalità con cui egli analizza i dati, all'utilizzo quindi delle tabelle, degli istogrammi, degli areogrammi e degli ideogrammi.Utilizzare gli strumenti che il geografo usa per rappresentare i dati significa anche fare matematica.

Già avevamo, fin dalla classe seconda, utilizzato la tabella a doppia entrata, come strumento per catalogare e ordinare le informazioni che in tal modo diventano immediatamente visibili e fruibili, ora si rende necessario spiegare come i dati, i numeri che spesso attengono alla geografia, quindi alla lettura del territorio, ma non solo, possono trasformarsi in grafici di immediata  lettura. Partendo sempre dall'idea che sono una rappresentazione della realtà, che servono a descriverla e a conoscerla.
La spiegazione, la semplice descrizione, pur se affiancata dai disegni dei grafici, può scivolare via come acqua sui vetri puliti, perchè troppo astratta. 
Per generare la comprensione si rende necessario ripercorrere i passaggi che servono a costruire lo strumento. Per comprendere come si usano i grafici occorre costruirne qualcuno. Noi lo abbiamo fatto lavorando a piccoli gruppi, massimo quattro bambini, attraverso tre passaggi:

Dai dati al testo informativo

Per  iniziare abbiamo fatto un passaggio dalla tabella al testo, utilizzando i dati circa la profondità dei mari italiali i bambini hanno realizzato un testo informativo che li contenesse, integrandoli con informazioni già in loro possesso o acquisendole dal testo, con l'incarico di ottenere un testo personalizzato.

Mare ------------ Profondità
Ligure ----------> 2746 m
Tirreno ----------> 3602 m
Ionio ------------> 4258 m
Adriatico -------> 1230 m

Uno dei testi ricavati, recitava così:
La profondità dei mari italiani
I mari italiani sono quattro: il mar Ligure, il mar Tirreno, il mar Adriatico e il mar Ionio. Il mar Ligure si trova tra la Corsica e la Ligura ed è profondo 2746 metri. 
Il mar Tirreno tra la penisola, la Sardegna e la Sicilia e la sua profondità massima è di 3602 metri.
Il mar Adriatico è il mare meno profondo di tutti i mari italiani. Bagna le coste orientali dell'Italia, la sua profondità massima è di 1230 metri. 
Il mar Ionio si trova tra l'Italia meridionale e la Grecia. E' il più profondo dei mari italiani. la sua profondità massima è di 4258 metri.

Realizzare un areogramma circolare o grafico a torta


Dopo aver fatto comprendere agli alunni che dai dati contenuti in un grafico si può passare al testo integrando opportunamente le informazioni, viceversa che levandole e riducendo all'essenzialità l'informazione e i dati si può costruire la tabella, entriamo nel vivo dell'attività di laboratorio ricavando un grafico a torta con tanto di percentuali, utilizzando dati familiari ai bambini. 
Abbiamo utilizzato i numeri degli alunni presenti nelle diverse classi del Circolo, dettagliando così la consegna di lavoro:

Realizza un grafico a torta utilizzando i seguenti dati, di fianco al grafico disegna la legenda.
- Alunni di quinta: 100
- Alunni di quarta: 90
- Alunni di terza. 85
- Alunni di seconda: 100
- Alunni di prima: 70

E' bene invitare gli alunni a riflettere su come dividere la torta, notare se ci sono porzioni uguali e quanto sono più piccole o più grandi delle altre parti. Ovviamente non è richiesta la precisione ma un aderenza minima alle quantità. 
Ecco il risultato del lavoro condotto in autonomia, eccetto che per il calcolo delle percentuale, che è materia del programma di quinta e quindi con gli alunni di quarta si può fare in modo guidato, spiegando che la percentuale indica la "fetta" di torta occupata dal numero di bambini di ciascuna classe.
Ecco com'è subito apparso chiaro che l'areogramma permette di visualizzare "a prima vista" le grandezze e determinare quali sono preponderanti.


Realizzare un istogramma:

L'istogramma ci permetterà invece di confrontare "grandezze". Nel nostro caso abbiamo ipotizzato l'analisi del numero di alunni per ciascuna tipologia di classi del circolo, in maschi e femmine. Abbiamo fornito la seguente consegna con il dettaglio dei numeri:
Realizza un istograma inserendo i seguenti dati, rappresentando maschi e femmine in due colonne vicine, scegli i colori più opportuni.

- Alunni di quinta: 55 F - 45 M
- Alunni di quarta. 35 F - 65 M
- Alunni di terza:  35 F - 50 M
- Alunni di seconda: 60 F - 40 M
- Alunni di prima: 35 F - 35 M

La line verticale indica il numero dei bambini contando su base dieci, la linea orizzontale indica invece le classi, ciascuna colonna dovrà raggiungere il numero di bambini e bambine indicato nei dati forniti.

Il risultato finale è stato questo con una leggenda due quadretti a indicare cosa rappresenta ciascuna colonna, che non compare qui sotto:


Il tasto verde in calce a questo post vi permetterà di salvare l'attività in formato pdf.



Articoli correlati per categorie


2 riflessioni:

Marcoscan il 13 aprile 2012 18:05 ha detto...

Complimenti per il lavoro e per il post! Fai i complimenti ai bimbi per i grafici, davvero ben fatti :-)

Rosalba il 13 aprile 2012 19:35 ha detto...

Sono stati bravi e hanno fatto tutto con piacere, dividendosi i compiti, utilizzando i suggerimenti proposti e facendo domande pertinenti. Domami presneterò i tuoi complimenti. :-)

 

Lettori fissi

Chi sono

La mia foto
"Si impara scambiando conoscenza"

Crescere Creativamente: per bambini e non solo Copyright © 2009/2015 Gadget Blog is Designed by Ipietoon Sponsored by Online Business Journal

Questo blog è visibile in maniera ottimale con IE7 - IE8 - Firefox

Privacy Policy and Privacy e Cookie